Imposta di Soggiorno

Anno 2019
Ph: Pixabay.com

L'imposta di soggiorno è stata istituita nel Comune di Finale Ligure con delibera di C. C. n. 128 del 21 dicembre 2017. Il gettito dell'imposta è destinato esclusivamente a finanziare interventi in materia di turismo e promozione della città, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei servizi pubblici locali finalizzati al turismo ed alla cultura; l'art.2 del regolamento definisce le finalità e destinazione dell'imposta.

Con delibera di Giunta Comunale n. 203 del 15 novembre 2018 sono state determinate le tariffe e stabilito il periodo di applicazione dell'imposta per l'anno 2019.

 

Nel 2019 l'imposta di soggiorno verrà applicata dal 1 aprile al 31 ottobre con le medesime tariffe applicate nel 2018, confermate per l'annualità 2019 dalla delibera di giunta comunale nr 203 del 15-11-2018, come di seguito elencate, con un importo da un minimo di € 0,50 ad un massimo di € 1,50 per pernottamento fino ad un massimo di 5 pernottamenti consecutivi nella medesima struttura ricettiva:

  • Strutture ricettive alberghiere: alberghi, locande, residenze turistico-alberghiere (RTA)

    classificazione

    tariffa €/gg a persona

    1 stella

    € 0,50

    2 stelle

    € 0,70

    3 stelle

    € 1,00

    4 stelle e maggiori

    € 1,50

  • Strutture ricettive all'aria aperta: campeggi, villaggi turistici, ex parchi vacanze (art.68 Legge regionale 32/2014)

    Tariffa €/gg a persona

    € 0,50

  • Altre Strutture ricettive:

    Tipologia

    tariffa €/gg a persona

    • Affittacamere
    • Agriturismo
    • Bed & Breakfast
    • case e appartamenti per vacanze (C.A.V.)
    • case per ferie

    € 1,00

    Ostelli

    € 0,50

  • Altre tipologie di alloggio turistico: appartamenti ammobiliati ad uso turistico.

    Tariffa €/gg a persona

    € 1,00

E' stato inoltre stabilito per l’anno 2019 in € 25,00 a stallo l’importo annuo dell’imposta di soggiorno dovuto dai clienti cosiddetti stanziali delle strutture ricettive all’aria aperta.
Restano in vigore le medesime modalità di applicazione e di esenzione del 2018.