Un Libro per l'Estate 2018. Incontro con l'autore. Beppe Severgnini presenta “Italiani” con Caterina Malavenda

(Ph: Pixabay)
Arte e Cultura
Conferenze, convegni
Luogo: 
Piazza San Giovanni
Data: 
Sabato 7 Luglio 2018
Orario: 
ore 21,15
Ingresso: 
Ingresso libero

Cosa vuol dire aver fatto il bambino nell’Italia del boom economico e il ragazzo negli anni Settanta? Ce lo spiega con implacabile ironia Beppe Severgnini, in un libro che ormai è un classico e da vent’anni ci racconta chi siamo. In questa edizione – totalmente rivista e arricchita con fotografie di oggetti recuperati in “lunghe giornate di speleologia domestica” – i racconti e i ricordi personali di Beppe si trasformano nella biografia di una generazione cresciuta tra biglie in spiaggia e picnic in montagna, minibasket e ping-pong, corsi d’inglese e viaggi col plaid, Vespe e traghetti. Chi è adulto, con questo libro ripercorrerà le tappe della propria formazione; i figli sorrideranno leggendo le gesta dei genitori; i meno giovani sfoglieranno l’album di famiglia. E tutti insieme capiremo come la storia di un bambino italiano possa diventare anche storia d’Italia. Una storia che prova una cosa: “Credo che italiani siamo diventati tutti. E italiani, in Italia, si diventa ancora”.


Beppe Severgnini (Crema, 1956) è editorialista del “Corriere della Sera” e contributing opinion writer per “The New York Times”. Ha scritto a lungo per “The Economist”. Tutti i suoi libri sono bestseller, da Inglesi (1990) a La vita è un viaggio(2014). La testa degli italiani (2005) è tradotto in quindici lingue. Bsev ha ricevuto alcuni premi e detiene una sola presidenza, quella dell’Inter Club di Kabul.

 

Caterina Malavenda è avvocato esperto di diritto dell’informazione e della comunicazione. Tiene corsi per centri di formazione giornalistica, tra cui l'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, per il Centro Formazione Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia e per l'Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino.

Autrice di saggi accademici, il suo ultimo lavoro è Le regole dei giornalisti (Il Mulino, 2012), scritto con Carlo Melzi d'Eril e Giulio Vigevani.