Un Libro per l'Estate 2018. Francesca Genti Presenta "La poesia è un unicorno"

(Ph: Pixabay)
Arte e Cultura
Conferenze, convegni
Luogo: 
Piazzale Buraggi
Data: 
Venerdì 20 Luglio 2018
Orario: 
ore 21,15
Ingresso: 
Ingresso libero

VENERDI’ 20 LUGLIO, PIAZZALE BURAGGI, FRANCESCA GENTI PRESENTA

LA POESIA E’ UN UNICORNO

MONDADORI EDITORE

CON READING POETICO DA

ANCHE LA SOFFERENZA HA LA SUA DATA DI SCADENZA

HARPER COLLINS EDITORE

 

LA POESIA E' UN UNICORNO

Come l’unicorno, animale mitologico piccolo ma invincibile, la poesia è dotata di poteri magici. Ci fa piangere e ridere, ci fa stupire e volare. La si trova ovunque, soprattutto quando e dove non te l’aspetti: sui muri dei bagni della stazione Termini, in bocca al venditore di olive taggiasche del mercato rionale, nel circolo della bocciofila. Nonostante i molti pregiudizi che la vogliono polverosa e antica, talvolta oscura e incomprensibile, la poesia è viva, e anarchica. Non sempre è come uno se la immagina, e spesso fa arrabbiare, mette in crisi, turba, provoca. È amata dalle donne e dagli uomini, dai giovani e dai vecchi. La invocano poeti raffinati, giornalisti di cronaca rosa e nera, ragazzini in scimmia ormonale, aspiranti suicidi.

Centrale o marginale nell’intera storia dell’umanità, non ha mai smesso di trasformare il presente, di fare apparire nel mondo cose che prima non c’erano, di anticipare e svelare il futuro rendendo concreto l’indicibile. Insomma, di cambiare il nostro sguardo.

Tutti ne parlano, pochi la riconoscono. Si offre e si nega, ed è spesso vittima di enormi fraintendimenti, ma un fatto è certo: quando se ne è toccati qualcosa in noi muta per sempre.

Questo libro ci indica dove cercarla, come riconoscerla, e i tanti modi per usarla: per conquistare la propria bella (lirica amorosa) o protestare contro i potenti (poesia civile), per celebrare il proprio ombelico (lirica) o fare divertire un bambino (filastrocca), per mandare a monte un matrimonio sbagliato (invettiva) o cantare l’universo (laude). Rendendo però sempre le nostre vite più ricche, più sensate, più profonde

 

ANCHE LA SOFFERENZA HA LA SUA DATA DI SCADENZA

HARPER COLLINS EDITORE

 

“Una raccolta di folgoranti istantanee sul variopinto e volubile mondo femminile. Perché la donna, a qualsiasi età, è in costante mutamento emotivo e ha tante cose da raccontare: dai sentimenti travolgenti e contrastanti alle passioni irrefrenabili e consolatorie, dai desideri di realizzazione personale e professionale ai pensieri che si aggrovigliano nella mente e cercano una via d’uscita (che non sempre trovano…). E Francesca Genti – poetessa dalla penna pungente, curiosa e divertente – adora osservare le donne che incontra ogni giorno e trasformarle in poesie. Un percorso originale, dolce e amaro, e umorale come le sue protagoniste, da leggere saltando da una pagina all’altra in cerca di piccole verità che fanno sorridere e riflettere.” (Dalla presentazione in copertina)

“Questo libro testimonia un lavoro lungo vent’anni e raccoglie testi dai miei precedenti libri e testi inediti. I libri da cui sono tratte alcune poesie sono Bimba UrbanaIl vero amore non ha le nocciolePoesie d’amore per ragazze kamikazeL’arancione mi ha salvato dalla malinconia. La poesia Preghiere del posto del mondo è stata pubblicate nell’antologia Ma il mondo, non era di tutti? (Marcos y Marcos, 2016). La poesia Il mio bambino è stato pubblicata con le illustrazioni di Manuela Dago per Sartoria Utopia nel 2016 e nell’antologia Poeti in classe (Italic Pequod, 2017). La poesia Lettera di referenze è stata estrapolata da un dialogo via Facebook tra me e l’amico Giuseppe Rizza, che ringrazio.” (Dalla nota dell’autrice)

Francesca Genti è nata a Torino e vive a Milano.
Ha pubblicato diverse raccolte di poesie,
tra cui Poesie d’amore per ragazze kamikaze
Anche la sofferenza ha la sua data di scadenza.
È una Tagesmutter e ha una piccola casa editrice,
che si chiama Sartoria Utopia, dove
confeziona a mano tirature limitate.